fbpx
Vuoi maggiori informazioni? Tel: 081 7803598 info@investingnapoli.it

Blog & News

4
Giu

I Certificati migliori di Unicredit del 4 giugno

Scopriamo insieme i certificati migliori di Unicredit nel giorno 4 giugno. Analizziamo quali azioni italiane sono le più appropriate per un investimento che potrebbe portare profitto o comunque avere un miglior rendimento rischio/beneficio.

Certificati migliori: Bonus Cap su Air France KLM

Tra i certificati migliori sul quale investire troviamo senza ombra di dubio il Bonus Cap su Air France KLM. Il titolo è partito con un livello di prezzo abbastanza alto rispetto al solito livello di partenza. Questo lo porta a rassicurare coloro che detengono questo certificato perchè il titolo si sta allontanando maggiormente dalla barriera. Oltre a questo, il rendimento del titolo risulta essere assolutamente interessante, con un 7,6% ogni tre mesi, che annualmente si attesta al 27%.

Questo è il momento adatto per entrare su questo certificato che gode di un ottimo supporto, con una barriera mediamente profonda (non si ottiene il bonus se il titolo perde il 28%, andando quindi a superare la barriera).

Un investimento che in definitiva consiglio vivamente, sopratutto in questo momento.

Top Bonus su Saipem S.p.A

Il certificato Top Bonus su Saipem S.p.A è anch’esso considerato tra i certificati migliori per investire in modo più tranquillo e sicuro dettato dal costante sviluppo e dall’aspetto che nonostante venisse toccato il fatidico livello di barriera a 1,53 non si perderebbe il bonus che, come da regolamento per questa specifica di certificato, si perde solamente alla scadenza,

Cash Collect Quanto su NEL ASA

Il Cash Collect Quanto su NEL ASA è l’ultimo prodotto in lista ma anche quello più rischioso per gli amanti delle cedole periodiche.

è considerato rischioso a causa del fatto che non sta svolgendo adeguatamente il suo sviluppo, difatti si è portato su un livello vicino a quello di barriera ma risulta anche enormemente interessante perché è un prodotto che paga cedole incondizionatamente fino alla data di scadenza prevista per il 15 febbraio del 2024, nonostante il titolo dovesse continuare a scendere in maniera violenta.

Mentre se il titolo torna su livelli superiori il prodotto di riferimento paga 100 incassando però tutte le cedole comprate a 82 e 40 in lettere, guadagnando il differenziato tra 82,40 e 100.