Vuoi maggiori informazioni? Tel: 081 7803598 info@investingnapoli.it

Blog & News

spunti di trading
23
Apr

Spunti di Trading: Cosa fare prima delle vacanze

Un’analisi delle azioni protagoniste, in negativo o in positivo, del mercato di oggi. Uno studio approfondito di cosa fare e come comportarsi prima delle vacanze, quali sono le azioni da comprare prima delle feste?

Juventus: Un’amara apertura

Dopo una deludente esclusione dalle 4 semifinaliste della Champions League il titolo della Juventus subisce un bel colpo ed apre male. Successivamente si è andato due volte in sospensione, ma poteva andare molto peggio. Il titolo sta riassorbendo in parte il trend negativo di inizio giornata. I titoli sportivi sono veramente molto difficili da gestire poiché vanno contro a volatilità dovute non solo al trend del mercato, ma anche a possibili risultati sportivi, che possono decidere gravi perdite od ottimi risultati nel mercato. Juventus è sicuramente un titolo a lungo termine e difficile da gestire, consiglio l’acquisto solamente per un lungo termine, in circostanze in cui queste occasionali volatilità non debbano tangere.

Altre occasioni molto importanti

Già da qualche giorno mi aspettavo una fase di consolidamento del mercato. Il periodo che stiamo vivendo è in estrema controtendenza rispetto a quanto abbiamo visto alla fine dello scorso anno, quel dicembre 2018 nero, in cui abbiamo sperimentato e vissuto un trend sempre negativo del mercato. Al momento siamo tirati troppo al rialzo, potrebbe esserci un sussulto sopra i 22.000 punti, ma probabilmente ci sarà un piccolo stop con un successivo consolidamento. Il mercato vive di aspettative, di eventi che possano innescare l’acquirente all’acquisto. Al momento tutti gli eventi possibili sono sorpassati, serve quindi qualche altro evento che inneschi un’ulteriore salita. Al momento non ci sono momenti del genere, quindi probabile aspettarsi un consolidamento. Sul fronte italiano non c’è da escludere delle sorprese a causa delle tensioni e della disparità di potere tra la Lega e il Movimento 5 stelle. Se fossi entrato a prezzi interessanti durante le prime parti di gennaio penserei di prendere profitto almeno con una parte, soprattutto su titoli che hanno corso molto durante questa prima parte dell’anno.

Azimut

Uno di questi titoli è sicuramente Azimut che sta vivendo un periodo ottimo da inizio anno. Un movimento dovuto a quello delle “Mani Forti” ad evidenziare quanto il mercato sia soggetto a queste mani forti e non ai “normali” azionisti. Il titolo potrebbe avere ancora un po’ di vita positiva, il consiglio è quello di iniziare a prendere profitto almeno con una parte, con un +70% che sicuramente è un ottimo risultato che potrebbe far sorridere in molti.

I titoli da tenere sott’occhio

La novità di aprile sono i titoli bancari, per cui è tornato un forte interesse. Un esempio può esser Ubi banca, che graficamente è arrivata ad alti livelli. Il mercato vive un periodo di cambiamento, con i titoli energetici che calano lentamente, su cui si stanno facendo prese di profitto, con le azioni bancarie che ora stanno trascinando il mercato.

Entrare ora nei titoli bancari?

Entrare su un titolo in rialzo comporta un rischio rilevante, soprattutto in vista futura. Sono probabili le prese di posizione violente, il margine nel breve termine non sarà elevato. Massima prudenza in queste azioni, il consiglio è quello di aspettare un consolidamento ed un possibile storno per entrare a prezzi più bassi.

Unicredit

Unicredit sta fornendo un ipulso rialzista che si aspettava da molto. Graficamente un titolo molto interessante. Titolo che consiglio di tenere sott’occhio nel medio termine, fate molta attenzione nel caso vogliate operare nel breve termine.

Il titolo Anima

Anima sta perdendo dall’ultimo anno circa il 36%, si sta concludendo il feeling con il mercato. In questo caso credo che l’interesse possa tornare dopo il superamento dei 4 euro. Questa potrebbe essere una storia come quella di Azimut, che in passato ha visto un periodo “dimenticato” dagli azionisti. Il consiglio è quello di settare un allarme al superamento dei 4 euro, ed investire in un titolo che potrebbe tornare a dire la sua.